Non inganni il quartultimo posto finale: la stagione della Millenium Brescia è stata più che positiva.

Se da una parte c’è un pizzico di amarezza per la mancata qualificazione ai playoff scudetto, dall’altra c’è invece la consapevolezza di aver disputato un’ottima annata all’esordio assoluto nell’élite del volley italiano.

Foto: Serena Campagnola

Poco più di 10 anni fa, le ragazze targate Olimpia Splendid navigavano infatti nelle serie dilettantistiche della pallavolo nazionale, giocando ogni fine settimana nelle piccole palestre fatiscenti delle scuole che tutti noi conosciamo bene.

In questo campionato, le lombarde si sono invece trovate ad affrontare molte tra le più forti giocatrici del pianeta.

Per una neopromossa, l’obiettivo primario è sempre quello di salvarsi. Un traguardo raggiunto con largo anticipo, che non è mai stato in pericolo nel corso della stagione data la distanza di sicurezza che le leonesse hanno sempre mantenuto su Filottrano, Chieri e Club Italia.

Top scorer tra le bresciane è stata Anna Nicoletti, autrice di 346 punti totali e settima tra le opposte nella graduatoria complessiva dei palloni messi a terra.

Tra le schiacciatrici di banda hanno brillato il talento e la potenza di Francesca Villani, quarta nel suo ruolo per numero di punti complessivi realizzati con 309 palloni a terra.

Nello stesso ruolo è stata determinante anche la spagnola Jessica Rivero, a lungo top scorer del campionato prima di dover rinunciare ad alcune partite per dedicarsi alle qualificazioni europee con la sua nazionale.

Per la squadra di coach Mazzola, le soddisfazioni più grandi sono arrivate contro le prime della classe. Le campionesse d’Italia di Conegliano, dominatrici della regular season appena conclusa, sono infatti state battute in entrambi gli scontri diretti.

Con Novara, diretta inseguitrice delle venete, sono poi arrivate una vittoria e una sconfitta.

Tre successi su quattro incontri ai danni di due tra le formazioni più forti d’Europa. Chi l’avrebbe mai pronosticato alla vigilia di questa annata?

Ad maiora, Millenium Brescia!