La qualificazione alla Coppa Italia è sfuggita per un soffio, ma la Millenium Brescia ha comunque potuto aggiornare la propria giovane storia pallavolistica con due tasselli prestigiosi nel corso del tradizionale periodo festivo. La neopromossa ha infatti battuto al tie-break sia Conegliano che Novara, le ultime finaliste scudetto e grandi favorite anche quest’anno per la conquista del titolo.

Millenium Brescia Volley batte Novara al tie-break
La squadra al completo dopo la vittoria su Novara (foto: Roberto Muliere)

Siamo a Santo Stefano, ma non c’è tempo per le tavolate con i parenti. Le leonesse sono infatti ospiti delle campionesse d’Italia della Imoco.

Nonostante l’assenza di Miriam Sylla, le venete possono contare su stelle del calibro di De Kruijf, Folie, Danesi e Hill.

Una sfida sulla carta impari, che però rimane tale solo fino al fischio d’inizio. Il match è combattutissimo e le ragazze di coach Mazzola costringono le più quotate avversarie al tie-break.

Il quinto set è una lotta punto a punto che si chiude poi 19-17 in favore delle ospiti.

Se si pensa che una decina di anni fa le ragazze sponsorizzate da Olimpia Splendid militavano tra i dilettanti, il successo firmato in casa Imoco è di gran lunga il risultato più importante ottenuto dal club lombardo. Il più importante sì, ma solo fino a domenica.

È il giorno dell’Epifania. Al PalaGeorge di Montichiari arriva la capolista Novara e le bresciane scendono in campo prive di Jessica Rivero, top scorer del campionato tra le schiacciatrici fino a tre giornate fa.

La partenza è di quelle da urlo, con un 2-0 che fa sognare i tifosi locali. La reazione ospite però c’è e non si fa attendere, con Egonu, Chirichella e Plak che alzano il livello e trascinano le loro compagne sul 2-2.

Il tie-break volge immediatamente in favore delle padrone di casa sul punteggio di 10-3, ma una grande rimonta delle piemontesi riporta tutto sul filo dell’equilibrio fino a quando Nicoletti, mvp del match, non firma il 15-13 definitivo.

Alla luce di questo doppio trionfo registrato contro le prime due della classe, il bilancio della stagione fino a questo momento non può che essere positivo. Grazie ai 17 punti accumulati e la nona posizione in graduatoria, la squadra ha ora un margine più che rassicurante sulla zona retrocessione.

Escludendo il fanalino di coda Club Italia, che per regolamento non può lasciare la massima serie, a scendere in A2 sarebbe oggi l’altra neopromossa Chieri, che ha raccolto appena 5 punti.

Stando alla classifica attuale, capitana Veglia e compagne avrebbero addirittura la possibilità di lottare fino al termine del campionato per la settima piazza, con 4 squadre racchiuse in altrettanti punti.

Comunque vada sarà un successo per una Millenium in versione ammazza grandi, che sta dimostrando di non essere arrivata nell’élite del volley nazionale per puro caso.